Chi o cos’è il “mostro” a Notre-Dame?- di Walter Zitano

     Giunta è l’estate. E come direbbe Antonio Vivaldi: «Langue l’huom, langue ‘l gregge e arde ‘l pino». L’Inferno, oltre l’attuale soffocante estiva calura… potrebbe essere uno sciagurato tormento!

E l’ispirazione è legata a un ricordo d’infanzia, quando con i miei genitori andai a vedere il cantato lungometraggio d’animazione Il gobbo di Notre Dame, il “34° Classico” prodotto dalla Walt Disney Animation Studios, con Regia di Gary Trousdale e Kirk Wise.

Era il 1996. Il cartone mi piacque fin da subito e, assieme a La Spada nella Roccia, è ancora oggi fra i miei preferiti. Ovviamente, all’epoca lo guardai con occhi e comprensione d’un piccolo pargolo ignaro di quanto la vita potesse essere complicata; col senno di poi sono giunto alla consapevolezza che la sceneggiatura e il soggetto, curati da Tab Murphy e ispirati al celebre romanzo Notre-Dame de Paris scritto da Victor Hugo, sono molto complessi, tutt’altro che banali. Aspetti che non dovrebbero sorprenderci, poiché lo stesso Hugo è noto per la complessità dei temi sociali trattati. Prestando attenzione durante la pellicola, ci si può rendere conto che a essere “inquadrati” non sono tanto i personaggi quanto la loro psiche.

A narrarci la storia sul misterioso campanaro è Clopin Trouillefou, un carismatico burattinaio-cantastorie, ventriloquo e acrobata gitano, “sovrano” della Corte dei Miracoli parigina, covo di ladri, zingari, finti infermi e altro ancora.

Ma chi sono i principali personaggi della vicenda?

Febo, l’avvenente capitano della guardia. È un soldato onesto e leale che non tollera in alcun modo i soprusi, e più volte finirà col disubbidire agli ordini impartiti. Ma il protagonista indiscusso è Quasimodo, il misterioso campanaro gobbo della Cattedrale, salvato dall’arcidiacono quando era ancora in fasce. Nonostante la tozza corporatura, manifesta grande agilità e forza fisica. Ha animo gentile ed è sempre in compagnia dei comici gargoyle Victor, Hugo e Laverne.

Il suo antagonista è il ministro Claude Frollo. Uomo superbo, fortemente devoto al Signore e dal pugno di ferro, ritiene che tutte le sue opere rappresentino la volontà di Dio il quale nutre un ossessivo sentimento lussurioso per Esmeralda una bellissima e sensuale danzatrice gitana, sempre affiancata dalla sua capretta Djali, che, come quasi tutti gli zingari, si dimostra ostile nei confronti dell’autorità cittadina.

Nella prima scena del film, che si apre con una panoramica della Cattedrale di Parigi, Clopin canta: «Ma ecco un quesito, scoprite chi è il vero mostro a Notre-Dame, chi è brutto dentro o chi è brutto a veder. Ma chi è? Ma chi è? Chi è il mostro a Notre-Dame?» La domanda rappresenta solo una parte della morale, tanto più complessa di quanto non possa sembrare a un primo acchito.

Chi o cos’è il “mostro” a Notre-Dame?- di Walter Zitano
powered by social2s

Questo sito web fa uso di cookie tecnici e analitici. I cookie analitici usati in questo sito sono cookie analitici di terze parti, utilizzati a fini statistici per la raccolta di dati aggregati, gestiti con la tecnologia della anonimizzazione dell'indirizzo IP. Essi non vengono incrociati con altri servizi. Per tali ragioni sono assimilabili a cookie tecnici e, pertanto, l'uso di questi cookie non necessita del consenso preventivo da parte dell'utente del sito. Questo sito non fa uso di cookie di profilazione dell'utente.