Un Chimico in Cucina (parte prima): Le Premesse - di Monia Politi

Un Chimico in Cucina (parte prima): Le Premesse - di Monia Politi

Da più parti giungono indizi e voci che il Nostro giornale abbia una particolare e piacevole caratterizzazione, nel senso che non fa clamori ma si distingue e, in qualche modo, invoglia alla lettura di argomenti e fatti non di primo piano, ma di sicuro ottimi quali spunti di riflessione utili in questo Tempo così incerto, così confuso, difficile da riordinare per avere delle idee quantomeno apprezzabili sul Mondo in cui viviamo.

            In tale direzione, ho voluto accelerare nell’impostazione da me data all’inizio del mio mandato. E così, ho accolto con favore l’idea di Monia Politi, una nostra valente redattrice, nota a molta parte del pubblico di Venti di Ponente, che mi ha proposto di curare una Rubrica, che credo sia di sicuro interesse non solo per l’argomento, ma anche per le modalità.

            Nello specifico, prende qui avvio “Un chimico in Cucina”, ovvero un appuntamento mensile, in cui Monia offrirà volta dopo volta simpatiche e significative argomentazioni di arte culinaria, che si fonde con le arti e le scienze della Chimica.

            Di seguito una breve premessa a “Un Chimico in Cucina” per offrire, al nostro attento e sagace pubblico, una visione di sintesi di quelle che saranno le argomentazioni di base e il tenore della narrazione.

A voi tutti una buona lettura

Pompea Vergaro

------------------------------------------

      Ho sempre adorato pasticciare in cucina e anche la mia professione, il chimico ricercatore, presenta in qualche modo le stesse dinamiche, contiene il seme di questa passione. D’altro canto, quando frequentavo l’università, il mio professore di chimica organica diceva sempre che un bravo chimico è per definizione un bravo cuoco! Mescolando reagenti o ingredienti diversi e apparentemente senza elementi comuni, il cuoco come il chimico generano e creano il nuovo.

     E proprio da questo amore, quasi congiunto e forse anche simbiotico, per la cucina e la chimica, nasce l’idea della rubrica “Un chimico in cucina”, una sorta di “osservatorio chimico-scientifico” su alcuni ambiti del mondo culinario con i quali mi sono confrontata. Va da sé, che in tale quadro molte saranno le metafore, le allegorie, gli ossimori in una e nell’altra direzione. E così la Chimica dirà della cucina, passando per la nostra anima e il nostro cuore, come la Cucina dirà della Chimica, aprendo squarci riflessivi su di noi e il nostro Mondo.

       Ho pensato di suddividere questo percorso in quattro tappe, lungo il quale il metodo scientifico e la chimica saranno il mio Faro guida. Nello specifico:

“La dispensa di Nonna Laura”

La magia della cucina va al di là della materia: è un filo, un legame di infinito affetto al di là del tempo e dello spazio con una persona: mia nonna Laura. Partendo dall’esperienza affettiva, voglio condividere con i lettori alcune ricette familiari alle quali sono affezionata, provando a raccontarle attraverso la “chimica dei ricordi”

“Alla ricerca del piatto perduto”

Qui mi cimenterò con il racconto delle origini di alcuni piatti della tradizione salentina e, sfruttando il “fiuto del ricercatore”, descriverò di come alcune preparazioni culinarie, al pari di importanti scoperte, siano nate per “caso”.

“Il cucchiaio magico in cucina”

Dal passato che permea il presente, approdiamo insieme al futuro, attraverso la rilettura in chiave moderna di alcune antiche ricette: vi sarà capitato talvolta di avere l’ispirazione per modificare, o nella presentazione del piatto o anche radicalmente, alcune ricette, allontanandole dalle loro origini storiche e geografiche? La creatività e l’innovazione, che sono capisaldi della ricerca scientifica, saranno il sale di questa tappa.

“Girotondo culinario”

Attraverso la pratica cara alle nostre nonne del “non buttare via niente”, provo a raccontare come la cucina possa essere un perfetto esempio di “economia circolare.”

Monia Politi

powered by social2s

Questo sito web fa uso di cookie tecnici e analitici. I cookie analitici usati in questo sito sono cookie analitici di terze parti, utilizzati a fini statistici per la raccolta di dati aggregati, gestiti con la tecnologia della anonimizzazione dell'indirizzo IP. Essi non vengono incrociati con altri servizi. Per tali ragioni sono assimilabili a cookie tecnici e, pertanto, l'uso di questi cookie non necessita del consenso preventivo da parte dell'utente del sito. Questo sito non fa uso di cookie di profilazione dell'utente.